Visitare l'Isola d'Elba Blog

informazioni e i consigli per la vostra vacanza all'Isola d'Elba


La guida digitale dedicata all'Isola d'Elba

“Vivi l’Elba Con Me” di Veronica Brandi

guida dell'elba di veronica brandi

 

Nella guida dell'Isola d'Elba di Veronica Brandi scoprirete un’isola autentica e incontaminata, raccontata da chi la vive tutto l'anno, sentieri e percorsi che vi mostreranno dei punti panoramici nascosti e incredibili.

Vi saranno rivelati i sentieri che, avvolti nella macchia mediterranea e circondati dai profumi di salvia e rosmarino vi permetteranno di raggiungere molte calette meno conosciute, oppure vi mostreranno le spiagge incredibili dell'isola per godervi un tramonto mozzafiato, nuotare in acque turchesi circondati solo dalla natura o scegliere le calette con le caratteristiche che preferite per andare a colpo sicuro.

Inoltre all'Interno della guida di Veronica troverete anche una serie di esperienze imperdibili, e che siate soli, in coppia o in famiglia non importa: le esperienze che vi verranno proposte sono tante!

Non tutti, ad esempio, sanno che lungo la costa delle spiagge bianche c’è una grotta azzurra, o che su un altro versante c’è un relitto sul fondale, e se siete nuotatori esperti potete anche esplorarlo.

A piedi, in bicicletta, a nuoto, in barca…il mix di itinerari sono un modo per scoprire il cuore di una terra unica. Non esiste infatti, un luogo simile a quest’isola nel mondo.

L'Elba con la sua superficie di 224 chilometri quadrati vi aspetta con le sue oltre 100 spiagge tutte incredibilmente diverse tra loro, mare dai tratti caraibici, di sabbia nera, bianche scogliere, una montagna di granito di 1000 metri e uno dei parchi minerari più grandi e importanti d’Europa.

 

 

Per questi, e tanti altri motivi, tutti dovrebbero almeno una volta nella vita visitare l'isola d'Elba!

 

Una terra autentica che vi ruberà il cuore, una terra tutta da scoprire

 

 

Vai alla pagina per scaricare la guida digitale dell'Elba di Veronica Brandi

 

 

 

 

 

Osservare il mare attiva uno stato di felicità nel cervello

Uno studio conferma la correlazione tra mare e felicità

osservare il mare dona felicità

Immagina adesso di chiudere gli occhi e riaprirli in una spiaggia incontaminata, con davanti una distesa di sabbia bianca e sottile e soprattutto un mare cristallino a perdita d'occhio, che vira dal celeste chiaro della parte più bassa al blu intenso e profondo degli abissi a qualche km dalla costa.

Non ti sembra di provare una sensazione di felicità e libertà mai sperimentata prima?

Questo perché è scientificamente provato che fermarsi ad osservare il mare e il suo incessante movimento attiva i neurotrasmettitori del cervello, che comunicano a tutto l'organismo una sensazione di benessere e relax impareggiabile.

Affinché però questo beneficio sia reale, l'esperienza deve essere quanto più piacevole possibile e il luogo prescelto ricco di spiagge meravigliose e differenti, così come di scorci suggestivi e borghi caratteristici.

Tutte queste qualità è possibile coniugarle prenotando una vacanza all'Isola d'Elba, meta turistica di molti italiani e stranieri che ogni anno cercano uno spazio selvaggio ed incontaminato dove poter far riposare la mente, senza rinunciare a tutte le attività divertenti legate alla vita marittima e soprattutto al mondo sottomarino.

 

 

osservare il mare dona benessere e relax

Le spiagge dell'Isola d'Elba

Per assaporare quel senso di felicità tanto desiderato durante il corso dell'anno lavorativo, nulla è più indicato delle 150 spiagge che sono state contate sull'Isola d'Elba, molte delle quali si sono viste assegnata la bandiera blu per la pulizia delle acque, i servizi e la bellezza del luogo.

Iniziamo da quella di Fetovaia, tra le più famose e nei periodi di maggiore affluenza, anche tra le più affollate.

Situata nella zona nord occidentale, la sua bellezza consiste in una distesa di sabbia dorata incastonata all'interno della roccia, un panorama incredibile del quale godere mentre si prende comodamente il sole o ci si rilassa con un bagno rinfrescante, ricevendo una sensazione unica di comunione con la natura e con il suo aspetto più selvaggio.

Dalla consistenza ancora più fine è la spiaggia di Cavoli, la più lunga dell'isola, situata vicino al grazioso borgo di pescatori di Marina di Campo.

Per gli amanti degli sport acquatici o anche per i curiosi alle prime armi, è possibile immergersi in interessanti sedute di snorkeling o in professionali immersioni subacquee, per ammirare la bellezza dei fondali e la varietà di pesci colorati, ben visibili grazie alla trasparenza del mare.

La stessa, inoltre, è perfettamente indicata per famiglie con bambini al seguito, per la vasta gamma di servizi offerti, che rendono il soggiorno non solo suggestivo a livello naturalistico ma anche molto piacevole come comodità e comfort.
Per quella categoria di persone che non ama troppo sporcarsi di sabbia, sono numerose le spiagge dell'isola formate da piccoli ciottoli chiari, che rendono comunque il mare di una chiara tonalità di azzurro che resterà impressa nei vostri occhi per sempre.

E' il caso appunto della Spiaggia delle Ghiaie, dotata di un'area marina protetta, o la Spiaggia della Padulella, riparata dalla scogliera che cade a picco sul mare e molto frequentata per il suo fondale color turchese.

Per i più avventurosi, invece, che preferiscono arrampicarsi sugli scogli ed hanno una visione estremamente selvaggia della giornata di mare, l'ideale è visitare le spiagge di Chiessi, Capo Sant'Andrea e Patresi, caratterizzate da fitti scogli dai quali tuffarsi direttamente in acqua, godendo dell'esperienza senza l'interferenza di altre persone ed assaporando in solitudine la sensazione di felicità e libertà che inevitabilmente si tende a provare da questa posizione privilegiata.

Tutto questo patrimonio descritto, e molto altro, se possibile merita di essere vissuto nelle condizioni migliori, che sono quelle dei mesi di giugno o settembre, quando la massa ha ormai fatto ritorno presso le proprie abitazioni di città ed è possibile respirare veramente lo spirito dell'isola, con la natura incontaminata delle sue bellezze paesaggistiche e l'incanto dei piccoli paesi che la compongono, ognuno dei quali è ricco di storia ed affascinante tradizione.

rilassarsi a capo sant'andrea

Vedere il mare da lontano

Non tutti amano eccessivamente la calca della spiaggia, ma ciò non significa smettere di godere della felicità che la vista del mare attiva nel cervello umano, fungendo da sfondo di splendide visuali delle quali è possibile godere dai vari borghi disseminati su tutto il territorio.

Il primo che si incontra è il capoluogo, Portoferraio, nel quale si sbarca dal traghetto immergendosi subito in una realtà fatta di graziosi localini e caratteristiche botteghe di artigianato.

Noto per aver ospitato la permanenza forzata di Napoleone, dalla calata sul lungomare è possibile osservare le acque limpide di tale paradiso del Mediterraneo, divertendosi anche nel guardare il viavai di barche che quotidianamente approdano per portare il delizioso pesce fresco, che è poi possibile gustare nei ristoranti.

Da non perdere è anche Marciana, il più antico tra tutti i paesi presenti, situato a 375 metri sopra il livello del mare e quindi perfetto per godere della vista panoramica del territorio circostante, formato da lingue di sabbia inserite in imponenti scogliere, il tutto condito con una varietà di turchesi del mare forse unica nel suo genere.

Percorrendo le stradine lastricate del borgo medievale ogni tanto è possibile imbattersi in terrazze che si aprono a strapiombo sulla natura sottostante, donando un meraviglioso senso di benessere alla mente e facendo sparire ogni pensiero negativo accumulato nel corso dei mesi precedenti.

La zona posta più in alto nell'isola è invece Monte Capanne con i suoi 1000 metri di altitudine, raggiungibile attraverso la cabinovia in circa 15 minuti o con un'escursione a piedi piuttosto faticosa di circa 3 ore adatta ai più avvezzi alla pratica del trekking.

Una volta giunti sulla sommità, però, tutta la stanchezza scemerà di fronte al panorama del quale sarà possibile godere, che comprende tutte le maggiori attrazioni del luogo, perdendosi nell'immensità della distesa di acqua blu e, se fortunati, riuscendo anche a vedere animali piuttosto inusuali, come il falco pellegrino e il daino, oltre che una rigogliosa vegetazione di castagni e lecci.

La felicità a portata di mano si chiama Isola d'Elba, non esitare e prenota la tua vacanza!

 

 

 

Forest bathing e la forest therapy all'Isola d'Elba

Shinrin-Yoku all'Isola d’Elba: un’isola dove tutto parla di Natura.

forest bathing elba

La più grande delle isole dell’Arcipelago Toscano, è un lembo di Terra sul quale si erge, maestoso e imponente come un Padre amorevole che veglia instancabile sui suoi figli, il Monte Capanne con i suoi 1019 mt s.l.m.

Ed è qui, in questo sorprendente scenario, che avrò il privilegio di tenere il mio prossimo evento di Forest Bathing.
Io sono Margherita Vittoria Bordin, una veneziana che da molti anni si divide tra le Dolomiti e l’isola d’Elba, luoghi intrinsechi le cui Terre scorrono nelle mie vene.
Sono Forest Ambassador certificata alla Nature Coaching Accademy, oltre ad occuparmi di turismo naturalistico e di Yoga e Mindfulness.

 

Ma cos’è il Forest Bathing?

elba trekking esperienzialeNasce in Giappone con il nome di Shinrin Yoku (“immergersi nell’atmosfera della foresta”, “portare dentro la foresta”) e ad oggi è parte integrante del sistema sanitario nazionale giapponese.
In italiano potremmo tradurlo con “Bagno di Foresta” o “Silvoterapia”.

Il Forest Bathing, termine inglese più utilizzato per identificare questa pratica, è un’esperienza di ascolto e immersione sensoriale profonda nell’atmosfera della Foresta, grazie alla quale cambiamo completamente il nostro stato di percezione e consapevolezza, e si attivano risposte a livello biologico, neurofisiologico e psicologico che trasformano letteralmente il nostro Corpo, la nostra sensazione di Noi Stessi e della vita intorno a noi. Per questo, connettersi con la natura è un’esperienza che trasforma profondamente la nostra esperienza del mondo e della Natura, cui noi apparteniamo.

Grazie al "Bagno di Bosco" e alle altre pratiche di connessione con la natura, torniamo a sentirci vivi in un tessuto vivente di relazioni che avvolge la Terra, e in cui siamo sempre immersi, anche quando non ci pensiamo. Se fai una vera esperienza di Forest Bathing, non puoi più vedere il Bosco come lo vedevi prima.
Lo senti parte di te, e tu ti senti parte del Bosco, e in questa riconquistata connessione nasce il sentimento di Biofilia, quel senso di affiliazione e appartenenza al mondo naturale che condividiamo con tutti gli altri esseri viventi. Come quando ci innamoriamo di una persona vogliamo fare di tutto per il suo bene, innamorandoci della Natura e della sua bellezza desideriamo fare di tutto per proteggerla, rispettarla e garantire la sua vita. Questa è Biofilia.

Le tecniche utilizzate sono tecniche varie e basate sulla mindfulness, sullo yoga, ma anche ecopsicologia, rituali delle antiche popolazioni che vivevano in simbiosi con la Natura.

 

 

 

 

Primo incontro il 10 Aprile 2021 a Marciana

Partiremo la mattina dalla Fortezza Pisana di Marciana, per dirigerci a passo lento e ritmato secondo il battito vitale della Terra che ci ospita, verso il Romitorio di San Cerbone, per rientrare poi al punto di partenza quando inizierà a fare buio.

Questo del 10 Aprile 2021 sarà solo il primo di una lunga serie di eventi programmati per l’estate 2021 che vedrà protagonista lo “Scoglio” (come è chiamata l’isola dagli amici) e la sua immensa Natura. Non solo pratiche a piedi, ma anche attività in bicicletta per addentrarci nella SILVOBIKETERAPIA, una pratica sviluppata da me in tanti anni di amore per gli Alberi e la Bicicletta.