Escursioni all'Isola d'Elba

Esempi di tracciati per MountainBike e Trekking all'Elba

Di seguito troverai varie mappe con tracciati e gps per goderti al meglio le tue vacanze sportive all'Isola d'Elba, questa pagina è consigliata per chi vuol godersi l'Elba fuori stagione e rimanere a contatto con la natura.

 

Sentiero Panoramico Monte Strega a Rio nell'Elba

monte strega rio nell'elbaelba gravity park

Il sentiero parte in località le Panche, area attrezzata nel comune di Rio nell'Elba nel versante orientale dell'Isola d'Elba. Si inizia a salire per raggiungere la vetta di Monte Capannello (496m s.l.m.). Arrivati in cima il panorama vi lascerà senza fiato. Inizia la discesa e raggiunto il Passo la Croce, si svolta a destra per prendere poi il primo sentiero a sinistra che taglia a metà tutto il M. te Strega passando sopra Rio nell’Elba, il più antico paese dell’ isola. Raggiunta la strada asfaltata si svolta a destra sul sentiero che scende all’ Acquavivola, una fonte sorgiva dove è possibile rinfrescarsi e riposare. Lasciata la fonte, dopo circa cento metri si prende il sentiero che sale a destra che ci porterà nella parte alta del paese di Rio nell’Elba, vi basterà seguire la strada per raggiungere il centro.

 

Da Rio Nell'Elba al Monte Perone

Giro in Bici da Corsa sulle strade dell'Isola d'Elba

da rio nell'Elba al monte Perone

 

Si inizia facile partendo da Rio nell'Elba e attraversando i paesi di Rio Marina, Porto Azzurro e Capoliveri in strada asfaltata pianeggiante o in leggero dislivello, passata la spiaggia di Lacona discreta salita per il monumento che collega Lacona a Marina di Campo, superato il paese si sale per sant'ilario (pausa fontana in piazza) e poi inizia la salita del Monte Perone, chiamata appunto lo zoncolan dell'Elba. Credo che molti metteranno piede a terra. Salita a traffico zero, spesso ombreggiata da castagni ma con strappi degni del suo soprannome. Consiglio, quasi in cima verso i 500 metri di quota si nota sulla sinistra una fontana, consiglio di aprofittarne per un breve rifornimento. Rientro per Marciana, poi attraversiamo la frazione di procchio, infine Portoferraio e ci si ricongiunge sulla provinciale per Porto Azzurro

In Mountain Bike al Laghetto Rosso di Rio Marina

Percorso panoramico immerso nel parco minerario di Rio Marina all'Isola d'Elba

elba gravity park a Rio Marinalaghetto rosso rio marinaIl punto di partenza si trova ai piedi del Monte Giove,(dove è situato il rudere di una fortezza militare del xv secolo). Subito a sinistra si apre un’ ampio sentiero che si inoltra nella valle di Rio Albano costeggiando un bosco di lecci. A questo punto il sentiero si fa più stretto e si entra in tratto di bosco più fitto , molto caratteristico. Usciti dal bosco non vi mancherà molto prima di ammirare il Laghetto Rosso,caratterizzato per la particolare colorazione dell’ acqua rosso-violacea. Si procede seguendo le indicazioni per il Termine e dopo circa un kilometro di salita, raggiunta la vetta, si può fare una piccola deviazione su un sentiero che si presenta sulla destra che porta ad un vecchio sito di estrazione mineraria molto interessante da visitare con la vostra mountainbike. Tornati sul sentiero si continua in discesa e subito prima dell’Agriturismo Il Termine ci dirigiamo a sinistra, verso l’ ultimo tratto del sentiero che ci ricondurrà sulla strada provinciale della Parata.

 

Immersione alla punta delle Cannelle

facile immersione nei fondali dell'Isola d'Elba

L'immersione alla Punta delle Cannelle a Rio Marina è un sito d'immersione adatto a tutti per la facilità di orientamento e la possibilità di visitare questa secca a varie profondità dai 15 ai 45 metri. A circa 15 minuti di navigazione dal porto di Porto Azzurro direzione nord-est raggiungiamo il punto di immersione punta delle Cannelle e ormeggiamo su un fondale di circa 12 metri

punta delle cannelle isola d'elbaGuardando a est si aprirà ai nostri occhi una sella grandissima che via via sprofonda nel blu. Scegliamo di tenere la parete a destra ed iniziamo la nostra immersione: si intravede una spaccatura a circa 20 metri dove in primavera sono sempre presenti le corvine, superata la tana ci immettiamo dentro il canale che evidenzia la parete, siamo ormai vicini ai 30metri ed ai nostri occhi si apre uno spettacolo meraviglioso, staccato nel blu c'e' un grosso scoglio rotondo ricoperto di Gorgonie Rosse (Paramuricea Clavata) e numerose castagnole (Anthias Anthias), il cappello e' a 35 metri la base a 48 metri esploriamo ogni singolo anfratto dove dimorano le aragoste. Vi sono momenti in cui la visibilità è perfetta e le gorgonie sono completamente aperte, questo renderà la nostra immersione indimenticabile.

Lasciato lo scoglio punteremo nuovamente la parete per continuare la nostra esplorazione, mantenendola sempre a destra continueremo a navigare nella prateria di Gorgonie Rosse, qua e là ancora Aragoste, Gronchi, Scorfani, Murene e Musdee. Ormai agli sgoccioli con il tempo di fondo ci rimane da vedere una mina che, staccata dalla parete, e' appoggiata sulla sabbia a 45mt. E' ora di iniziare a risalire per raggiungere una piccola parete che merita una sosta per osservare le margherite di mare (Parazoantos Axinelle) e le Pinne Nobilis (specie protetta).

A questo punto dopo pochi minuti di navigazione ci troveremo sulla punta ovest della nostra secca. Sopra un letto di poseidonia nuotiamo guardando nel blu Dentici o Barracuda. Giriamo la punta e tenendo a sinistra la costa e a destra la secca navighiamo in un canale sabbioso a 11mt. dove possiamo ammirare branchi di Saraghi Fasciati, qualche piccola Cernia, un meraviglioso Anemone di Mare da cui fa capolino il nostro amico Paguro Bernardo.  Siamo arrivati al punto di ormeggio con il cuore colmo di emozioni.

Per questa immersione si ringrazia il Diving Center Stefano Sub di Porto Azzurro, telefono 3805042063

 

GTE Grande Traversata Elbana

Esplora l'Isola d'Elba coast to coast

grande traversata elbana

La GTE, Grande Traversata Elbana è un modo diverso per conoscere l’isola d’Elba tra sentieri, la natura, i panorami e i paesini caratteristici, è il sentiero più lungo dell'isola e la attraversa completamente da un versante all'altro. La GTE parte da Cavo e termina in due varianti principali, quella a Nord arriva a Patresi, mentre quella a Sud termina a Pomonte.

Una volta deciso di effettuare la Grande Traversata dell'Elba, potrete dividerla in 3 o 4 tappe in base al vostro allenamento e a cosa e come volete procedere alla scoperta del sentiero più lungo e panoramico dell'Isola d'Elba.

Lungo l’intero itinerario la vista mare vi fara compagnia, lasciando spazio a viste panoramiche anche sulle altre isole Toscane oltre che la vicina Corsica.

Trail Run sul Monte Tambone a Lacona Capoliveri

 
trekking monte Tambone lacona
Il trail abbastanza difficile inizia con una salita su asfalto poi sterrata facile fino alla cima del tambone. Si scende per la sterrata della segagnana e si svolta a sinistra. Oltrepassata una sbarra si passa davanti ad una casa e si continua per bellissimo single track a gradoni. Sbucati su una carrareccia si svolta a sinistra e si cammina in salita fino alla cima del monte tambone (strada difficile e con una grande pendenza) . Arrivati in cima si tiene le destra e oltrepassato un caprile si prende un single track (in discrete condizioni) che riporterà al punto di partenza.
 
Difficoltà:
★★★✰✰
 
Dati tecnici:
Lunghezza:  15,0 km
Altezza:  700 m
Way down:  618 m
Durata:  03:30 h

Capoliveri in Mountain Bike

Capoliveri Bike Park

 capoliveri bike park

Per chi vuole il meglio di capoliveri in un solo giro. Salite quasi impossibili (sigurt e garitta) singletrack splendidi ( quello dell'aereonautica) e discese bellissime come la miniera della polveriera con panorami a dir poco lunari. Ancora single track per la spiaggia del remaiolo (bagno obbligatorio!!) e ancora il single track Radici. Gran finale con la super splendida e tecnica valle di fosco. Che dire? Avete un giorno di tempo e solo 1000 metri di dislivello sulle gambe? Questo è il giro per voi! Ma anche per chi vuol divertirsi e ammirare un panorama fantastico della costa di Capoliveri.

Immersioni all'Elba - Il relitto di Pomonte

il relitto del mercantile Eviscot, immersione adatta a tutti i subacquei

relitto pomonte Isola d'ElbaIl mercantile Elviscot di proprieta della Lavinia Antonio Scotto di Napoli adibito al trasporto legname affondò il 10 Gennaio del 1972 a causa del maltempo che lo fece naufragare presso la secca dell'Ogliera a pochi metri dalla spiaggia di Pomonte.

Lo scafo del Relitto di Pomonte giace con la murata di sinistra sul fondale sabbioso tra gli 8 e 12 metri di profondità, con le strutture completamente rivestite di alghe e spugne e microrganismi marini come gli stupendi spirografi, divenendo un perfetto rifugio per la fauna marina.

La piccola profondità e la quasi assenza di correnti rende l'immersione al relitto di Pomonte tra le immersioni adatte anche ai subacquei meno esperti e agli snorkeler, l'ambiente è molto suggestivo ed è possibile ammirare molti tipi di pesci, saraghi, gronghi, occhiate, castagnole ma anche polpi e murene che hanno fatto del relitto dell'Eviscot la propria tana.

il relitto pomonte isola d'Elba

Gli illuminatori di iWave Ocean il 4 Settembre 2015 hanno reso possibile il progetto "Luci dal profondo", con lo scopo di illuminare l'interno e tutta la superficie dell'Elviscot, l'evento ha permesso per la prima volta al mondo l'illuminazione di un relitto affondato, ed è stato seguito dai turisti grazie a dei natanti con il fondo dello scafo in vetro.

 

Immersione al relitto dell'Eviscot a Pomonte Isola d'Elba, dati tecnici:

Profondità: 8 - 12 metri con fondale sabbioso
Grado di difficoltà: Facile per Sub - Media per snorkeler
Corrente: Poca
Visibilità: Buona

 

 

 

 

 

 

Tracciato di Vignola a Rio nell'Elba nel versante orientale dell'Isola d'Elba

 

elba gravity park rio marinaQuesto tracciato, recente riqualificato dai volontari del Elba Gravity Park,si estende sul versante nord-orientale dell'Isola d'Elba. Prende il nome da un antico caseggiato posto in vicinanza di un mulino.

vignola rio nell'elbaLa partenza è situata al passo dell'Aia di Cacio (302 mt s.l.m), sulla strada che collega Rio nell'Elba con le frazioni di Nisporto e Nisportino.

Subito colpisce la spettacolarità del paesaggio e, nelle giornate soleggiate, l'occhio arriva a stagliarsi sul profilo della Corsica,dell'isola di Capraia fino all'isola di Gorgona.

A destra appare il profilo del litorale toscano fino allo splendido promontorio dell'Argentario.

Un corridoio verdeggiante immerso nella macchia mediterranea di basso fusto, accoglie il visitatore all'inizio del tracciato. Proseguendo il terreno si fa più tecnico, tra scogli affioranti segno di un mare passato, ci si introduce in un bosco di Lecci. Proseguendo,sempre all'ombra del Monte Serra, si costeggia la Valle delle Fiche per poi confluire, tra leggeri sali scendi, ai piedi del Monte Peritondo.

La fine del tracciato porta sulla strada della Parata, strada asfaltata e poco trafficata che collega Rio nell'Elba con Cavo, la piccola frazione di Rio Marina.

 

Percorso in Mountain Bike dalla parata al Mausoleo Tonietti a Cavo, frazione di Rio Marina

Il percorso ha inizio sulla strada provinciale della Parata nel comune di Rio Marina, a circa 1 km da Cavo.

Il primo tratto del sentiero è la prima parte della vecchia strada militare che in passato congiungeva la frazione di Cavo con il semaforo della marina situato sulla cima di M.te Grosso.

Dopo circa 1 km di salita molto tecnica sulla destra si scende sul sentiero 61 (GTE) in un tratto molto divertente immerso nella macchia mediterranea, con una splendida vista su Cavo, sul canale di Piombino e sull’ Isola di Palmaiola.

Superato l’Agriturismo Amandolo si prosegue in direzione del Mausoleo, imponente torrione costruito dall’ architetto Adolfo Coppedè per la famiglia Tonietti quale tomba di famiglia e come monumento a Giuseppe Tonietti, primo affittuario delle miniere elbane.

Il percorso, ora immerso in un bosco di lecci, continua in direzione Capo Vita, fino ad arrivare nella parte piu a nord di Cavo proprio sopra le bellissime calette di Frugoso e Cala delle Alghe.